Cerca nel Blog

giovedì 12 gennaio 2012

Angeli nell'ombra - Becca Fitzpatrick - Recensione


Autrice: Becca Fitzpatrick
Casa Editrice: Piemme Freeway
Pagine: 336
Prezzo: 17,00
Sinossi:
Nora avrebbe dovuto sapere che la sua vita non sarebbe stata perfetta. Infatti, non basta una relazione con il proprio angelo custode (che è tutto tranne che angelico) ed essere sopravvissuta a un tentato omicidio per dirsi felice. Patch infatti sembra allontanarsi da lei per avvicinarsi pericolosamente alla sua peggior nemica, Marcie, e il ricordo del padre assassinato senza che venisse mai trovato un colpevole, fa scivolare Nora sempre più nel sospetto verso l'angelo immortale il cui passato è avvolto in un cupo e impenetrabile mistero. La ricerca della verità spinge Nora verso qualcosa che avrebbe preferito ignorare. Di colpo, tutte le sue certezze si dissolvono in un crescendo di tensione, paura, confusione e rabbia. E, a mano a mano che il dubbio si insinua nella sua mente, e il suo cuore si spacca per la gelosia, Nora sembra non riuscire a vedere che il pericolo è sempre in agguato...

La mia Recensione:
Allora, parto subito col dire che “Angeli nell’ombra” l’ho letto con qualche pregiudizio poiché di solito i “secondi” libri di una saga mi deludono sempre.
Invece sono rimasta ancora più colpita del precedente perché in questo nuovo capitolo il rapporto tra Nora e Patch si complica ancora di più ed entra nella loro “storia” Marcie Millar, già nominata ne “Il bacio dell’angelo caduto”.
Mi sono immedesimata a tal punto in Nora che non c’è da stupirsi che sin dalla prima riga ho subito odiato Marcie con tutta me stessa e che avrei preso a calci Patch un bel po’ di volte ma nonostante tutto Nora è riuscita a mantenere la dignità sia di fronte alle cattiverie di Marcie, sia ai fraintendimenti con Patch e alle azioni che Patch ha compiuto. Sono stata male con lei, era palpabile il dolore e la mortificazione da lei provata quando ha scoperto che Marcie aveva baciato Patch e lui non l’aveva nemmeno scostata.
Ecco, si può dire che in quel frangente sono riuscita a provare una puntina, ma proprio una puntina di odio per Patch, anche se sapevo che ci doveva per forza essere qualcosa sotto. La loro storia non poteva finire così per una sciacquetta (ok, mi sono immedesimata di nuovo in Nora ^^” ), tuttavia diciamo che Patch non è che rassicuri Nora, anzi, fa di tutto affinché lei pensi male.
Infine rimane il tema fondamentale del libro: qualcuno vuole uccidere Nora, di nuovo.
E come nel primo libro della saga, anche in questo non mi sono neppure lontanamente immaginata che l’assassino fosse…ovviamente non lo dico. Altrimenti che gusto c’è a leggerlo?!
Ancora una volta Becca Fitzpatrick è riuscita a tenere incollato il lettore al libro, riuscendo a trasmettere con la sua scrittura fluida le ansie, le paure ed il dolore dei protagonisti.
E’ riuscita a mantenere la suspance dalla prima riga fino alla fine e soprattutto non dimentichiamoci che in questo secondo volume Nora tira fuori il carattere, e che carattere, questo soprattutto dovuto alla gelosia nei confronti di Marcie o meglio nei confronti del rapporto che questa ha con Patch. L’unica cosa “buona” che ha fatto la sciacquetta è stato farle aprire gli occhi per quanto riguarda il vero padre di Nora.
Vogliamo poi parlare del finale che, quando sembra che le cose siano sistemate, soprattutto tra Patch e Nora, ci lascia col il cuore in gola!? Cosa succederà a Nora? E’ inutile dire che non appena ho finito “Angeli nell’ombra” sono corsa alla Feltrinelli a comprare “Sulle ali di un angelo” che sono sicura non deluderà le mie aspettative.
La Fitzpatrick non mi ha deluso in questi due capitoli, figuriamoci se mi delude nel terzo!

VOTO:
Libro perfetto da leggere assolutamente

1 commento:

I vostri commenti alimentano il mio blog!
Lasciate un segno del vostro passaggio e io sarò felice di potervi rispondere :)