Cerca nel Blog

mercoledì 11 gennaio 2012

Salotto Letterario: intervista a Claudia Palumbo, autrice di Damned

 photo salottoletterario_zpsd3409e46.jpg

Ecco l'intervista fresca fresca fatta a Claudia Palumbo autrice di Damned che ricordo uscirà in tutte le librerie il 17 gennaio 2012. Partiamo subito.

Come è nata la tua passione per il genere urban fantasy?
La passione per questo genere è nata praticamente con me. Sin da piccola, infatti, mi sono appassionata a scrittori come Anne Rice, che hanno accompagnato la mia fanciullezza e, più tardi, la mia adolescenza. Chi mi ha ispirato maggiormente, però, è stata Stephanie Meyer.

La scrittura si dice essere una dote innata. Quando hai iniziato a scrivere per la prima volta?
La prima volta che ho scritto qualcosa di mio è stato all'età di nove anni. Ricordo ancora le venti pagine rilegate che custodivo con cura nel mio cassetto dei segreti dal titolo "La mia principessa". Era una storia d'amore, ovviamente. Se ripenso a quella storiella...mi viene ancora da sorridere.

Quale libro letto del genere Urban Fantasy ti ha colpito di più e perché? E quello che ti ha colpito meno?
Quello che mi ha colpito di più è stato Twilight. L'ho amato sin dal primo rigo, letto tra l'altro in lingua originale quando qui in Italia non era ancora stato pubblicato. Mi sembrava un romanzo perfetto, unico nel suo genere. Pur avendo letto numerosi libri sulla mitologia vampirica, nessuno mi aveva mai colpito come questo. Forse perchè la storia di Bella ed Edward, oltre ad essere una storia tra due persone incompatibili, è anche una fiaba a lieto fine. O forse, semplicemente, perchè più si rispecchiava all'età che stavo vivendo in quel periodo: l'adolescenza. Quello che mi ha colpito meno, invece...non posso proprio dirtelo, non sarebbe corretto nei confronti dei miei colleghi!

Completa le due frasi. "Mi piace leggere perché...", "Mi piace scrivere perché..."
Mi piace leggere perchè mi piace immedesimarmi in persone che non sono me, mi piace vivere per qualche giorno la vita di qualcun altro e soprattutto mi piace rilassarmi. Per questo prediligo i libri scritti in prima persona, li trovo assolutamente più coinvolgenti. Mi piace scrivere perchè...penso sia la cosa che mi riesce meglio. Semplicemente, lo faccio e basta, non riesco a trovare un perchè. Forse è perchè mi fa stare bene.

Hai qualche scrittore che è per te una fonte di ispirazione?
A parte la Meyer c'è n'è uno che ritengo essere il mio modello di riferimento, il mio scrittore preferito in assoluto: Stephen King. E' davvero un mago della scrittura, non ci sono parole per descriverlo.

Parliamo dei retroscena del libro. Non è una novità che molti scrittori emergenti debbano attendere lunghi periodi per avere una risposta positiva. Quanto tempo hai impiegato a scriverlo e soprattutto, dopo quanto la Sperling & Kupfer ha deciso di prenderlo in considerazione?
Avendolo scritto nel 2006...non ricordo precisamente quanto tempo ci ho messo, ma su per giù credo sei mesi. In realtà avrei potuto finirlo anche prima, ma le mie amiche non me lo permettevano. Erano talmente appassionate alla storia che desideravano sempre nuovi capitoli da leggere. Quando ho deciso di chiuderlo, sono state a lutto per un po'...Sono state proprio loro a spingermi a mandare Damned ad un editore, l'anno scorso. La risposta positiva è arrivata dalla Sperling praticamente subito. Sono stata fortunata!

Parliamo della protagonista Cathy. Quanto c'è di te in lei? E soprattutto, l'amore riuscirà a prevalere sul suo dovere di Prescelta?
Cathy è molto diversa da me. E' il mio "io letterario" ma ha un modo di fare completamente diverso dal mio. Lei è esuberante, passionale e decisamente forte caratterialmente. Io, invece, sono molto pacata e riflessiva. Forse è la mia seconda parte, quella che molte persone non hanno ancora visto ma che vive dentro di me. Essendo un adolescente, anche Cathy avrà spazio per l'amore, nella sua vita, e troverà quello vero nonostante i suoi doveri.

Oltre a Damned adesso hai qualche altro progetto in corso?
Si...sto scrivendo un altro libro che spero diventi una trilogia. Il genere è lo stesso, ma la storia è decisamente più impegnativa...Speriamo bene!

Ringrazio tantissimo Claudia Palumbo per la sua disponibilità e spero che un giorno possa intervistarti anche per questo libro che stai scrivendo! ^^
Alla prossima!

3 commenti:

  1. Bisogna assolutamente acquistarlo allora!! Coplimenti a Claudia!
    Anch'io ho amato Twilight, tantissimo! Ma non ho ancora letto nulla di Stephen King..quest'anno dovrò leggerne un paio di titoli!! :)
    Ps Ho creato un mini sondaggio sul mio blog, per un consiglio sulla mia prossima lettura!! Esprimeresti il tuo consiglio??

    RispondiElimina
  2. Certo Claudia! Vado subito a votare!! Comunque non vedo l'ora di leggerlo anche io!

    RispondiElimina
  3. Ah e comunque ho prelevato il tuo banner e l'ho messo nelle affiliazioni ^^

    RispondiElimina

I vostri commenti alimentano il mio blog!
Lasciate un segno del vostro passaggio e io sarò felice di potervi rispondere :)