Cerca nel Blog

mercoledì 25 gennaio 2012

Jane Eyre - Charlotte Brontë - Recensione


Titolo: Jane Eyre
Autore: Charlotte Brontë
Prezzo: 7,00 euro
Pagine: 720
Editore: Giunti

Sinossi:
Dopo un'infanzia difficile, di povertà e di privazioni, la giovane Jane trova la via del riscatto: si procura un lavoro come istitutrice presso la casa di un ricco gentiluomo, il signor Rochester. I due iniziano a conoscersi, si parlano, si confrontano e imparano a rispettarsi. Dal rispetto nasce l'amore e la possibilità per Jane di una vita serena. Ma proprio quando un futuro meraviglioso appare vicino, viene alla luce una terribile verità, quasi a dimostrare che Jane non può essere felice, non può avere l'amore, non può sfuggire al suo destino. Rochester sembra celare un tremendo segreto: una presenza minacciosa si aggira infatti nelle soffitte del suo tetro palazzo.

La mia Recensione:
Charlotte Brontë disse della sua opera principare: "...un libro così strano! Immaginate un romanzo con una piccola ed insignificante governante come eroina ed un ruffiano di mezza età come eroe..."
In questo romanzo l'autrice cambia il concetto di eroina come fece Jane Austen con Elizabeth Bennet in Orgoglio e Pregiudizio: infatti sia Elizabeth sia Jane rappresentano le donne moderne, ma mentre la prima è collegata alle "maniere", al "modo di comportarsi", la seconda a comportamenti passionali e dinamici.
Jane si sente in conflitto con se stessa ritrovandosi a metà strada tra la passione ed il giudizio.
Un esempio è stato quando il letto di Mr. Rochester era andato a fuoco: al momento di ringraziare Jane per averlo salvato, lei aveva notato "una strana energia nella sua voce" ed "uno strano fuoco nel suo aspetto".
Ad ogni modo Jane deve sopprimere i suoi sentimenti perché è il suo padrone e nell'epoca vittoriana una simile relazione era giudicata sconveniente.
Un altro esempio è quando Jane scopre che Edward ha una moglie, Bertha: in quel momento mette in secondo piano l'amore che prova per lui rispetto alla ragione, e solo dopo la morte di Betha, la ragione e la passione riescono a muoversi di pari passo verso lo stesso finale ovvero il matrimonio tra Jane e Edward.
Ciò che Charlotte Brontë è riuscita a farmi apprezzare sono le atmosfere gotiche, così come il palazzo gotico, Thornfield Hall, così come i personaggi ambigui come lo stesso Mr. Rochester o la governante Grace Poole.
Interessanti sono i sogni che esprimono a pieno la natura passionale di Jane, tenuta sotto controllo nella realtà e questi vengono considerati anche come dei simboli, degli avvertimenti.
Ad esempio dopo il fidanzamento con Rochester, Jane aveva avvertito una specie di barriera che la divideva da Edward ed infatti poco dopo la donna aveva scoperto che Rochester era già sposato.
Il romanzo gira intorno a due figure principali: Jane Eyre e Edward Rochester.
Jane è riservata, un'instancabile lavoratrice, onesta, passionale e rappresenta come ho detto prima, un nuovo tipo di eroina: non è proprio così bella ma è indipendente e vuole esprimere le sue idee senza nessuna restrizone: lo stesso Rochester considera Jane al suo stesso livello intellettuale sebbene provengano da due classi differenti.
D'altro canto Edward Rochester è il padrone del maniero, è robusto ed i suoi modi sono oltre modo mutevoli.
Nel romanzo posso dire che incontra un vampiro ed un angelo: infatti prima di incontrare Jane, aveva sposato Bertha, la vampira, perché "i suoi sensi erano eccitati", ma dopo questo decide di sposare Jane, l'angelo.
Insomma Jane Eyre si colloca tra i miei romanzi preferiti perché cambia non solo il concetto di eroina, ma anche quello di eroe che ora diventa stilisticamente Byroniano (passatemi il termine): l'eroe è impetuoso e sensuale allo stesso tempo e si innamora dell'eroina non per il suo aspetto ma per la sua semplicità.

VOTO:
Libro perfetto da leggere assolutamente

10 commenti:

  1. Che dire? Uno dei miei romanzi preferiti, immortale e splendido! Da rileggere e rileggere.

    RispondiElimina
  2. io ho AMATO, AMATO, AMATO questo libro ** l'ho letto così per caso, preso in bibliteca perchè non sapevo cos'altro prendere ma l'ho adorato! Per ora è il miglior classico che ho letto insieme a Dracula e a Le notti bianche :)

    RispondiElimina
  3. Splendido, splendido romanzo. L'ho amato in italiano e lo sto rileggendo in originale proprio in questi giorni.
    Non può mancare nella libreria di una lettrice, ma nemmeno in quella di un lettore!

    RispondiElimina
  4. Uno dei miei libri e personaggi femminili preferiti. Amo molto Jane, così diversa dalla visione classica della donna del tempo,passionale, profonda e vera. In parte mi ritrovo molto in lei e anch'io ho apprezzato l'uso dei sogni come rappresentazione del desiderio e della natura passionale.

    RispondiElimina
  5. Devo dire che la prima volta che l'ho letto non ha entusiasmato, sicuramente era ben scritto e rivoluzionario però niente di più!! Dopo qualche lettura più approfondita e riflessiva ho imparato a valutarlo davvero!! Assolutamente consigliato anche per chi non ama il genere: è un libro che almeno una volta va letto!!

    RispondiElimina
  6. meraviglioso..il trionfo del carattere in barba ai fronzoli e al clichè della bella a tutti i costi...l'ho letto a 14 anni.....e me ne sono innamorata.....ero e sono così simile a lei da sentirmi grata all'autrice per averci rivelato al mondo...una perla preziosa senza tempo....

    RispondiElimina
  7. Bene, devo ammettere che non ho mai letto Jane Eyre ahimè, ma dopo aver letto la tua recensione prometto che lo inserisco tra le mie prossime letture :D

    RispondiElimina
  8. Adoro il film ma aimè non ho ancora letto questo libro!

    RispondiElimina
  9. Ciao, ho appena scoperto il tuo blog! Jane Eyre è uno dei miei romanzi preferiti, un romanzo molto moderno per l'epoca in cui fu scritto, ma capace di essere apprezzato anche oggi perchè le tematiche affrontate sono molto attuali! Bellissimo anche il film :-)
    P.s. se ti interessa dare un'occhiata al mio blog, questo è il link della pagina principale: http://langolodiariel.blogspot.it/

    RispondiElimina

I vostri commenti alimentano il mio blog!
Lasciate un segno del vostro passaggio e io sarò felice di potervi rispondere :)