Cerca nel Blog

mercoledì 13 giugno 2012

Gli speciali de "La Stirpe di Agortos": la Natura fantastica della stirpe



LA NATURA FANTASTICA DELLA STIRPE


Quante volte mi avete sentito dire a proposito della Stirpe che la Natura è mistica, personificata e magica? E che è proprio su questo che volevo puntare l'attenzione quando pensai alla saga di Agortos e delle sue generazioni?
La Natura viene intesa nel libro come sinonimo della terra dell'Egucron, ovvero tutto l'universo che circonda gli abitanti delle terra immaginaria. La Natura di manifesta attraverso le sue piante e le sue rocce mistiche, nelle quali sono nascosti dei segreti che solo un uomo arduo può carpire e conoscere.


"....strinsi un patto con la Natura pregando gli Dei che venisse accettato. Così tutta la mia vita, e quella di coloro nelle cui vene scorrerà il mio sangue, verrà consacrata alla scoperta e alla vigilanza del Potere naturale di cui il mondo è colmo. Non ci sarà uomo o donna che impedirà ai miei discendenti di seguire le mie orme, poiché verranno aiutati dal cielo e dalla terra e da tutto quello che li forma"

Del patto che Agortos stipulò con la Natura non voglio parlare ancora. Vorrei piuttosto chiedervi com'è che voi immaginate sia avvenuto questo patto. Agortos fece qualche rituale? Gridò al vento il suo giuramento? Lo sottoscrisse col suo sangue ammette...quindi bagnò la terra letteralmente con la sua linfa vitale? Sarei curiosa di sapere davvero cosa ne pensate in merito. Ma lasciatemi ancora parlare della Natura, quella con la N maiuscola, quella che se avesse braccia allora sarebbero fiori e se avesse gambe sarebbero alberi. Quella divinizzata dagli antichi, quella che si cerca ancora oggi di tutelare.

Fin da bambina la mia immaginazione fervida mi ha sempre suggerito che al di là della semplice apparenza un albero o un sasso potesse nascondersi un mondo. Sciocche fantasie, ovviamente...ma è da lì che è partito tutto. Agortos ce lo avevo in mente fin da ragazzina forse, e ha aspettato solo il momento giusto per venire fuori. Ma tornando all'Egucron, questa terra da me tanto amata... Sembra quasi che la Natura lì nasconda qualcosa, che la realtà non sia quella che sembra e che ci sono cose molto difficili da capire e comprendere. La maggior parte degli abitanti dell'Egucron non sospetta nemmeno dell'esistenza di creature fantastiche che se ne stanno ben nascoste. Nella prima generazione si è parlato dei centauri, coloro che mandano avanti la storia e che decidono le sorti degli uomini. Loro aiutano Donamis a uscire dal bosco, loro conducono Anika verso ciò che lei vuole trovare. E non dico altro per non spoilerare troppo; ma ce ne sarebbero di cosa da dire su di loro! I centauri sono quegli emissari della natura che aiuteranno le due sorelle a portare a termine il compito di mantenere vivo fatto da Agortos.  

"La ragazza (Anika) questa volta trovò il coraggio di sollevare la testa, e non appena lo fece sussultò dalla meraviglia. Davanti a lei, poco distanti dall’albero dove era rannicchiata, disposte a cerchio c’erano creature metà uomini e metà cavalli, esattamente come li aveva descritti suo padre. Avevano il corpo equino ma là dove doveva esserci la testa del cavallo, partiva un busto nudo di uomo sul quale dei volti barbuti che sembravano tutti identici la guardavano senza battere ciglio."

Agortos sapeva che creature di quel genere si sarebbero mostrate alla sua famiglia; il patto ciò lo prevedeva. Ed ecco allora che la Natura non è solo piante e pietre ma è anche legata alla sfera del fantastico perché tutto ciò che c'è di prodigioso appartiene a Lei. Non agli uomini.
Gli uomini e le donne possono solo studiare e “sfruttare” ciò che la natura offre. Questo potrebbe porre dei limiti alle potenzialità degli uomini, pensereste voi. Ma non è esatto. La Natura e i suoi componenti offrono i loro servigi solo a quegli uomini che saranno in grado di saperli rispettare e studiare. Nulla è lasciato al caso, ma tutto fa parte di un disegno preciso che vede come alleati il mondo e l'uomo. In una simbiosi quasi perfetta.
Centauro di Elisabetta Baldan
Diciamoci la verità, Agortos sarebbe stato uno qualunque se non avesse stipulato quel patto. Se non avesse intuito le potenzialità della sua Terra, avrebbe vissuto la sua vita come tutti gli altri lì nell'Egucron. Ma ha scelto di addentrarsi nelle viscere del mondo e di amarne i prodigi. E grazie a lui il bosco senza nome diventa una casa per Anika, e i centauri fanno parte quasi della sua famiglia. Adoro i centauri. Tra tutte le creature mitologiche loro sono quelli che più mi hanno sempre affascinata. I centauri della Stirpe sono così magnificenti che divento quasi gelosa di Anika e del rapporto che ha con loro. Li teme quasi all'inizio, li venera poi (io farei lo stesso).

E a te lettore di questo nuovo speciale regalo una notizia: rivedremo ancora i nostri centauri, e questa volta saranno protagonisti anch'essi delle prossime avventure della Stirpe.
La Stirpe è stata definita ultimamente una eco-saga.
Il rispetto per la Natura e di tutto ciò che ci circonda è in fondo uno dei valori che dovremmo sempre trasmettere alle generazioni future. Così come ha fatto Agortos.
 E non c'è bisogno di stringere fantastici patti o analizzare piante e pietre (che ahimè non avrebbero gli stessi magici effetti di quelli dell'Egucron).
Basta solo soffermarsi a pensare a quanto c'è di bello in questo mondo.

Grazie per aver seguito anche questo nuovo speciale, alla prossima per l'ultimo degli appuntamenti!
Nel frattempo potete leggere gli altri speciali qui:


Agortos, questo sconosciuto
Anika e Airen due sorelle a confronto
L'Egucron, una terra poi così non troppo lontana
Gli antagonisti della storia, Siderin e Feude

2 commenti:

  1. Ciao, mi piace tanto il tuo blog e ti penso sempre xD stavolta ho pensato di premiarlo... dai un'occhiata! ;)

    http://unbuonlibrononfinisce-mai.blogspot.it/2012/06/premio-almohada.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In quanto proprietaria e fondatrice del blog ti ringrazio ^^ anche da parte dei miei collaboratori Yvan e Alessandra!

      Elimina

I vostri commenti alimentano il mio blog!
Lasciate un segno del vostro passaggio e io sarò felice di potervi rispondere :)