Cerca nel Blog

martedì 13 novembre 2012

Recensione: La notte degli angeli caduti di Heather Killough-Walden

Titolo: La notte degli angeli caduti
Titolo originale: Avenger’s Angel
Autrice: Heather Killough-Walden
Prezzo: 10,00€
Editore: Leggereditore
Pagine: 400
Genere: Paranormal romance, avventura, fantasy angelico
Sinossi:
In tempi tanto remoti da essere stati dimenticati dall'uomo, il Vecchio, artefice del Creato, decise di riunire i suoi quattro Arcangeli prediletti, e di assegnare a ognuno di loro una compagna. Nacquero così le Cherubine.
Ma la felicità acquisita durò poco, e i quattro Arcangeli, Michele, Uriel, Gabriele e Azrael, furono costretti a lasciare il Regno Celeste e scendere sulla Terra, luogo dove il Vecchio aveva, per qualche sconosciuta ragione, esiliato le quattro bellissime donne. Tuttavia gli Arcangeli non erano soli, qualcuno li spiava da molto tempo, e li aveva seguiti.

“Una nuova ed entusiasmante serie, popolata da personaggi intriganti e atmosfere memorabili.” Romantic Times

“Un libro dal quale non avrei mai voluto staccarmi.” Goodreads

“Azione, sensualità e intrighi per un nuovo grande successo che conquisterà migliaia di lettrici. Gli angeli caduti sono destinati a sostituire il mito del vampiro...”

Lost Angels Series:
0. Always Angel, 2011 (Racconto prequel solo in ebook e in inglese)
1. Avenger’s Angel, 2011 (La notte degli angeli caduti, 2012)
2. Messenger’s Angel, 2012 (Il messaggero dell'angelo, 2012)
3. Death’s Angel, previsto per 31 dicembre 2012

Recensione:
Edita in Italia da Leggereditore, purtroppo come spesso accade in questi casi con titoli e copertine differenti dalla versione originale, la serie degli Angeli Caduti di Heather Killough-Walden è una delle saghe più interessanti del momento, seppur la struttura di base sia la medesima di fenomeni letterari già conosciuti come la saga dei demoni di Gena Showalter.
Copertina originale americana
In un mercato ormai saturo di romanzi che trattano di lotte tra paradiso e inferno per la conquista del cuore di qualche bella fanciulla ignara e indifesa, La Notte degli Angeli Caduti non apporta alcuna novità di rilievo. Tuttavia grazie a una trama accattivante, a un eccellente caratterizzazione dei personaggi ( antagonisti in primis ) e a un intreccio di misteri irrisolti che vengono portati avanti egregiamente sarete catturati dalla storia fin dal primo capitolo.
Una lettura non troppo impegnativa, scritta utilizzando un linguaggio semplice e intuitivo, ma che non fa perdere neanche un attimo di patos alla storia.
Protagonista di questo primo libro del ciclo è Uriel, l'Arcangelo della vendetta, che dopo migliaia di anni di ricerche riesce finalmente a ritrovare la sua amata Cherubina, reincarnata nel corpo dell'ignara bibliotecaria Eleonor Granger. Lui, diventato una star del cinema sotto falso nome, riuscirà a portare la ragazza nel suo mondo, sotto i riflettori prima, e soprannaturale dopo, per farle riacquistare memorie ormai perdute e proteggerla da una duplice minaccia che spietata e al contempo seducente incombe sulla Cherubina.
Alcuni personaggi, quali Azrael, Michele, Eleonor, Kevin e il misterioso Samuel Lambent godono di una caratterizzazione a dir poco eccellente che vi proietterà nelle loro menti e vi sentirete come risucchiati da un vortice di magnetismo mai provato prima.
Purtroppo però lo stesso discorso non può essere fatto con Uriel, che di Arcangelo della vendetta ha veramente poco o nulla, e questa è l'unica critica che mi sento di muovere al romanzo nella sua interezza.
I misteri irrisolti della trama inoltre trovano spiegazione in modo da aprire nuovi interrogativi per i capitoli futuri e mantenere alta nei lettori l'attesa per il proseguo della storia.
In conclusione Heather ha saputo prendere una storia vista e rivista sul mercato, e renderla accattivante, seducente e con un tenore di mistero e magnetismo che rimane alto dalla prima all'ultima pagina, facendo prendere agli eventi pieghe inaspettate capaci di stupire il lettore e invogliarlo a continuare a seguire questa serie.


VOTO:


Un acquisto consigliato a tutti gli appassionati del genere.


Firma Y

3 commenti:

  1. E' sulla mia libreria da tempo, in attesa di essere letto. La tua recensione gli rende giustizia, e credo che sarà la mia prossima lettura.

    RispondiElimina
  2. E' sulla mia libreria da tempo, in attesa di essere letto. La tua recensione gli rende giustizia, e credo che sarà la mia prossima lettura.

    RispondiElimina
  3. Non mi è piaciuto molto....soprattutto non mi è piaciuto come è stoto creato il personaggio di Uriel..mi è sembrato terribilemte piatto e scontato

    RispondiElimina

I vostri commenti alimentano il mio blog!
Lasciate un segno del vostro passaggio e io sarò felice di potervi rispondere :)