Cerca nel Blog

lunedì 6 maggio 2013

Asian Style #1: Recensione di Virgin Crisis di Mayu Shinjo

Buon pomeriggio Bookaholics! Benvenuti al primo appuntamento della rubrica Dal Giappone con Amore. Ora vi spiegherò in cosa consiste!


Rubrica ideata da questo blog (se prendete citate)  in cui verranno presentati e recensiti manga, anime, live action e drama che attirano particolarmente la nostra attenzione!

La serie di cui parleremo oggi è Virgin Crisis di Mayu Shinjo.



Titolo Originale: Virgin Crisis - Akuma na Eros
Titolo Inglese: Virgin Crisis
Storia: Mayu Shinjo
Disegni: Mayu Shinjo
Edit. Originale: Shogakukan
Tipologia: Josei
Genere: Sentimentale, Demoni, Scolastico, Commedia
Anno: 2001
Vol. originali: 4 (completato)
Edit. Italiano: Star Comics




Recensione a cura di Yvan Argeadi:
Può capitare ad un adolescente alla sua prima infatuazione amorosa, di compiere gesti singolari, diremo estremi, per riuscire in un modo o nell'altro a fare colpo sul ragazzo più bello e ambito della scuola.
Miu Sakurai, protagonista di questa singolare miniserie, ne sa qualcosa.
L'attrazione che prova per il bel Shion Amamiya, coetaneo compagno di studi, si manifesta in lei in maniera talmente violenta da spingerla, per riuscire ad avere il suo cuore, a ricorrere all'arte della magia.
E così, dopo essere entrata in possesso di un grimorio ricco di incantesimi, formule evocatorie e malie, decide di evocare l'aiuto di potenze oscure. Dinnanzi a lei si manifesta così Satan, il più potente e bello tra i diavoli, il quale, senza perder tempo, le propone un accordo.
Il cuore dell'amato Amamiya in cambio della sua verginità. Uno scambio pericoloso, specialmente se si tratta del diavolo in persona. Un rischio che tuttavia Miu si sente di poter correre.
Ma non sempre le cose sono come appaiono, perché dietro il nome di Amamiya si cela in realtà niente meno che l'arcangelo Michele, mentre le intenzioni di Satan, all'apparenza volte al peccato ed alla semplice conquista dell'ennesima anima da corrompere, sono quanto di più calcolato egli potesse escogitare per impadronirsi dell'unica anima capace di suscitare in lui una nobile pulsione emotiva come l'amore.
Quest'ultimo però, conosce molte sfaccettature, e starà a Miu esplorarle tutte per conoscere la reale differenza tra la concezione paradisiaca di amore e quella infernale, e scegliere alla fine, quella che più si adatta alla sua anima.
Questi sono i presupposti della trama di Virgin Crisis, serie manga di quattro volumi editi dalla Star Comics.
Ho avuto modo di girare il web, dopo averli letti tutti e quattro, e dare un occhiata alle varie recensioni presenti nei forum di discussione e nei blog. Che dire, si tratta senza dubbio di un prodotto che è stato capace di dividere l'opinione dei lettori, schieratisi tra chi lo ha odiato e chi invece ne è rimasto piacevolmente colpito e ammaliato.
Personalmente mi sento di schierarmi con questi ultimi, e spiego brevemente il perché.
La storia inizia col solito cliché della giovane studentessa combattuta tra due amori impossibili, l'uno bello e tenebroso e l'altro più incline al principe delle favole che ogni ragazza di quell'età sogna di incontrare nella sua vita.
E questo, seppur inevitabile visto il tipo di trama che l'autrice ha voluto intavolare, è qualcosa di cui lettori e lettrici penso siano saturi, essendo ormai anni che la letteratura e i media ci propongono storie di questo tipo.
Tuttavia la trama è sviluppata in maniera originale ed interessante, diversa da quell'accozzaglia di "fan fiction" ( perché per me tali sono ) create con lo stampino e prive di originalità che riempiono il mercato. Vi sono inoltre dei quesiti irrisolti riguardanti i due contendenti, ma risultano passare in secondo piano se rapportati a quello che a mio avviso è il vero punto di forza di questa serie: l'esplorazione delle molteplici sfaccettature dell'amore, particolare che i recensori più superficiali non sono riusciti a cogliere, o probabilmente non sono sensibili a queste tematiche.
Proprio così, in solamente quattro volumi la Shinjo è riuscita a far vivere alla sua protagonista esperienze talmente agli antipodi le une con le altre da risultare impossibili per la stessa persona.
E così vediamo come la giovane Miu si ritrova a provare sulla sua stessa pelle l'amore di un angelo, e quello di un diavolo. L'uno puro e profondo, romantico, sentimentale, l'altro peccaminoso, magnetico, irresistibile e morboso.
Vedremo Miu alle prese con la gelosia, ma anche con una concezione molto "aperta" e libera di amore. Vedremo sempre la nostra protagonista combattuta tra ragione e sentimento, dovere e piacere, fino all'originale ed inaspettato epilogo, elemento chiave che realmente differenzia questa serie da tutte quelle che hanno come chiave di volta elementi quali la redenzione ed una qualsivoglia inesistente seconda possibilità elargita da Dio.
Nel complesso un'ottima storia, che poteva essere approfondita maggiormente, ma comunque capace di tenere incollati dalla prima all'ultima pagina, e suscitare nel lettore il desiderio di rileggere tutta l'opera una seconda volta.

VOTO:



4 commenti:

  1. Io ho letto questo manga on-line in inglese e devo dire che mi ha colpito molto ^-^ per qualcuno la storia potrebbe risultare prevedibile, soprattutto gli sviluppi amorosi dei personaggi, eppure l'ho riletto ben quattro volte :) mi piace questa nuova iniziativa riguardante manga ed anime. Attendo con ansia il prossimo articolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Nanny! Sono felice che questa iniziativa sia piaciuta! ^^ il prossimo articolo dovrebbe essere pubblicato in settimana!

      Elimina
  2. ciao io mi chiamo chiara e sono entrata da poco nel tuo blog che trovo molto bello, ti contatto su questo post xke anche io seguo i manga ^_^ ti contatto per darti un premio, che potrai ritirare sul mio blog, e se ti farà piacere ti aspetto tra i miei follower....a presto e congratulazioni ^_^

    RispondiElimina

I vostri commenti alimentano il mio blog!
Lasciate un segno del vostro passaggio e io sarò felice di potervi rispondere :)