Cerca nel Blog

lunedì 10 marzo 2014

Gli Speciali de La Regina degli Inferi di Chiara Cilli - #2: Ambientazioni e Luoghi

Cliccando sull'immagine verrete ricondotti all'evento Facebook

Buon pomeriggio Bookaholics e benvenuti al secondo speciale dedicato alla saga de La Regina degli Inferi di Chiara Cilli!
Vi ricordo di partecipare attivamente a tutti gli speciali perché alla fine di questi verrà indetto un Giftaway!

Lo speciale di oggi sarà dedicato interamente ai luoghi e alle ambientazioni della saga!

LE CINQUE TERRE DI PENTHÀNWEALD



TERRA DEGLI UOMINI
È l’unica Terra in cui sono presenti le quattro stagioni. È caratterizzata da vastissime pianure e campi di piantagioni. Comprende cinque villaggi che vivono di agricoltura, mentre Sthria, più grande anche di Thera, la capitale, è la città dell’artigianato e del commercio. Il Palazzo Reale di Thera è una struttura non troppo complessa che si sviluppa su tre piani e affaccia sulla piazza della città, dove si svolgono ballate e serate in compagnia dei cittadini. Nei pressi di Thera si trova l’unico boschetto presente nella Terra, con una radura che custodisce fiori di incredibile bellezza. Si pensa che la Terra degli Uomini non sia assoggettata alla magia, tuttavia durante l’inverno, prati, fiori e alberi mantengono intatta la loro rigogliosità e non vengono piegati dalla neve e dal gelo. L’unica via per accedere alla Strada Fiorita, nella Terra degli Uomini, è il Passo del monte Raha.

DESERTO VIVO
Capitale e unica città di questa Terra è Magdat, posta in una dimensione parallela a cui è molto difficile accedere, giacché il deserto possiede una difesa mostruosa. Nella sabbia, infatti, vivono creature abominevoli simili a serpi, con squame marroni lungo la pancia e nere sul dorso; spuntano fuori non appena si tenta di procedere sul terreno, come pesci dall’acqua, e hanno denti aguzzi e lingue triforcute violacee. E non è finita! Nel cielo ricoperto di nuvoloni neri, sono in attesa braccia giganti ricoperte di pustole, pronte a ghermire chiunque osi attraversare il deserto volando troppo in alto. Una volta entrati nella dimensione parallela di Magdat, si fa capolino in una città caotica e rumorosa. Le vie articolate sono un mercato in cui è possibile soddisfare ogni necessità, trovare di tutto – dalle armi alle vesti pregiate. Gli abitanti originari della città hanno caratteristiche ben precise: occhi rossicci e capelli neri dai riflessi argentei. Gli uomini sono sempre a torso nudo, così come le donne, che coprono i seni con le lunghissime chiome. Il clima afoso della dimensione parallela è puramente illusorio, così come il calore del sole.

TERRA OSCURA
Caratterizzata da un cielo costantemente in tempesta, con tuoni, lampi e saette, questa è la Terra più grande. Comprende due villaggi e l’enorme capitale, Vivar, il cui Castello, dove risiede il Sovrano, è costruito su un’isola circondata da un profondissimo fossato, in cui scorrono le acque che si riversano nel burrascoso Lago Tomb. È la Terra dei Protetti per eccellenza, poiché essa racchiude la magia di Penthànweald, alimentata anche da quella della vastissima Foresta di Enthir, un luogo tenebroso e infido circumnavigato da tetri pini giganti. Gli abitanti della Terra Oscura si differenziano per i loro capelli biondi e le iridi nere come il carbone. Il Castello è una struttura spaventosa e imponente, con merlature e numerose torri difensive. Una massiccia scalinata sospesa sul fossato, nel vuoto, è l’unica via per accedervi.

CORRENTI DEL FATO
Regno della Dea Vueno, fu deciso che fosse lei a stabilire il suo dominio su Penthànweald, giacché la Dea più potente. Una fitta nebbia avvolge questo luogo, in cui un’articolata rete di ponti di pietra si sospende sulle acque docili, dove navigano le anime dei defunti. Questi ponti convergono su un isolotto, sul quale si erge il tempio bianco della Dea.

REGNO DEI CAVALLI ALATI
Questa Terra sorge in un cielo colmo di nuvole soffici e candide. Nobbis, unica città e capitale, si sviluppa come un cono rovesciato: abitazioni bianche si susseguono lungo le strade in salita, che portano alla piazza principale, posta in piano dinanzi alla mastodontica Accademia dei Cavalieri dei Cavalli Alati, dove risiede l’esercito di Raich, il Re. Nobbis è una città militare dove regna il silenzio e i cui abitanti hanno i capelli argentei e gli occhi bordeaux, escluso Raich, che ha le iridi chiare come il ghiaccio.

STRADA FIORITA
È il punto d’incontro delle Cinque Terre, e solo tramite esso è possibile spostarsi da una Terra all’altra. È qui che risiedono i Guardiani di Penthànweald, entità incaricate di vegliare sui confini delle Terre per evitare che qualcuno li attraversi. Collocata in una dimensione parallela, la Strada Fiorita in realtà è una stanza pentagonale con il pavimento a scacchi, nelle cui fessure spuntano fiori di tutti i tipi e colori. Ai cinque angoli, vi sono cascate colorate che rappresentano le rispettive Terre: quella verde raffigura la Terra degli Uomini, quella d’aria il Regno dei Cavalli Alati, quella d’acqua pura e cristallina le Correnti del Fato e quella di ombre e tenebre la Terra Oscura. È possibile varcarle solo dopo il consenso dei Guardiani.

Devo dire che Chiara è riuscita a costruire qualcosa di unico nel suo genere! Quale terra vi attira di più?!




5 commenti:

  1. Ciao! E' la prima volta che passo qui!
    Se vuoi partecipa la mio Giveaway ^-^/

    RispondiElimina
  2. Premetto che non ho ancora avuto occasione di leggere nulla di questa autrice, ma ne ho sentito parlare bene! Prima o poi conto di rimediare a questa lacuna!
    Ero tentata di rispondere terra delle nuvole, ma temo di non poter rinunciare alle quattro stagioni, motivo per cui scelgo TERRA DEGLI UOMINI!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna anche sottolineare che nella Terra degli Uomini è nato il Principe Galadir, quindi è sempre un'ottima scelta!!! ;)

      Elimina
  3. Io avrei scelto il regno dei cavalli alati mi affascina molto, ma come Alhandra non potrei mai rinunciare alle stagioni!! Una domanda alla scrittrice ma come hai fatto a scrivere una trilogia del genere?? Non l'ho letta ma sto iniziando ad amare la tua testa, perché ne esce sempre qualcosa di straordinario <3

    RispondiElimina
  4. Anch'io sono rimasta molto colpita dalla descrizione di Penthanweald (conosciuta nel primo libro, "La regina degli inferi") e se potessi abitare una delle cinque terre, sceglierei anch'io il Regno dei Cavalli Alati! Anche se soffro di vertigini -_-' Ma magari finirei con l'abituarmici, no? XD E mi piacerebbe avere un cavallo alato come quello che ha Morwen *__* E se abitassi lì, avrei anch'io lunghi capelli d'argento: wow!

    RispondiElimina

I vostri commenti alimentano il mio blog!
Lasciate un segno del vostro passaggio e io sarò felice di potervi rispondere :)