Cerca nel Blog

martedì 18 marzo 2014

Gli Speciali de La Regina degli Inferi di Chiara Cilli - #3: La Genesi

Cliccando sull'immagine verrete ricondotti all'evento Facebook

Buona sera Bookaholics e benvenuti al terzo speciale dedicato alla saga de La Regina degli Inferi di Chiara Cilli!
Vi ricordo di partecipare attivamente a tutti gli speciali perché alla fine di questi verrà indetto un Giftaway!

Lo speciale di oggi sarà dedicato alla Genesi della saga!

Come è nata la saga

La Regina degli Inferi nasce dal mio bisogno di dare sfogo alla mia fervida immaginazione. Quando ho iniziato a scriverla avevo 16/17 anni e la mia fantasia galoppava a briglie sciolte. Non rammento bene tutti i particolari perché è passato un po' di tempo, ma ricordo che a darmi l'ispirazione per l'intera storia furono due anime giapponesi (Dragonball e Tokio Mew Mew) e la saga cinematografica di Alien. Non chiedetemi come sia possibile, ma vi giuro che è andata proprio così! E poi, ovviamente, la mia natura oscura ci ha messo lo zampino e la storia è diventata molto dark, come ho sempre voluto.

Come hanno preso vita i personaggi

Quando ho iniziato a scrivere La Regina degli Inferi sapevo benissimo che tipo di protagonista volessi: dura, spietata e malvagia, fuori dagli schemi del fantasy classico, dove l'eroe è un paladino della giustizia, giusto e impavido. Ma io e il Bene non siamo mai andati d'accordo! Così ho creato Morwen, una creatura sinistra e conturbante capace di uccidere con un solo sguardo. Fin dal primo momento, Milla Jovovich le ha dato volto nella mia mente, rivelandosi un'unica, impareggiabile e immancabile fonte di ispirazione.
Sono sempre stata affascinata dal lato oscuro dei personaggi, quindi volevo che Morwen fosse tutto ciò che mi intrigava: forte e inarrestabile, feroce e senza pietà, sensuale e seducente, inflessibile e letale. Ma volevo che avesse anche una falla. Non un comune punto debole, oh no. La sua debolezza doveva essere qualcosa di spaventoso e inesorabile. L'amore. E chi meglio di un principe arrogante per questo pericolosissimo compito? Fu così che nacque Galadir. Anche per lui fin da subito ho avuto una fonte di ispirazione ben precisa, ovvero l'attore Ryan Sypek. Volevo che Galadir fosse totalmente diverso da Morwen, e così è stato, ma non per il fatto che il Male deve e può redimersi. Galadir non è stato concepito con lo scopo di tirare fuori il lato buono di Morwen, perché lei non ne ha—a volte può essere giusta e saggia, ma ciò non vuol dire che sia buona. Morwen è cattiva, e a Galadir va bene così. Morwen e Galadir sono come ombre e luce—si bramano e si cercano, non possono esistere l'una senza l'altro.
Anche i personaggi secondari avevano un viso ben preciso nella mia immaginazione. Per la Principessa Kamria, ad esempio, avevo bisogno di un volto innocente ma all'evenienza coraggioso, così mi ispirai all'epoca giovanissima Michelle Trachtenberg. Per il Re Ashiwar fu subito il grandissimo Peter O'Toole, la cui strabiliante interpretazione in Troy mi lasciò senza fiato. Per la perfida Regina Mewar pensai a Susan Sarandon, così elegante e austera. Per l'inflessibile e glaciale Re Raich è stato immediatamente Bill Nighy, che mi ha ipnotizzata nella saga di Underworld. Per i Protetti degli Dei di Penthànweald, invece, sono stati: Jonathan Rhys Meyers per il misterioso e oscuro Andrer, John Malkovich per il crudele Darlak, Ben Barnes per il sinistro e affascinante Calash, un adolescente Zac Efron per l'ingenuo ma pericoloso Virk e l'inimitabile Ewan McGregor per il folle e ambizioso Maithon. Angelina Jolie e Gwyneth Paltrow, nella mia fantasia, hanno dato volto rispettivamente alla Dea Vueno e alla Dea Lash. Infine, ma non meno importante, l'attore Sam Neill è stato dal principio la mia fonte di ispirazione per il personaggio dello Stregone.

Anche per questa tappa è tutto! Appuntamento al prossimo lunedì per la quarta tappa degli speciali de La Regina degli Inferi!
Mi raccomando, per partecipare al Giveaway finale dovete commentare TUTTE le tappe!




3 commenti:

  1. Io l'ho detto mi sono innamorata della tua testa, ti giuro hai una fantasia che spacca!!! Ma una domanda ti ispiri all'attore in se o al ruolo che interpreta in un determinato film?? L'hai scritto a 16 anni?? Ok ti adoro è ufficiale, a parte gli scherzi ti ammiro moltissimo per il coraggio che hai avuto a metterti in gioco e soprattutto per la forza e la determinazione che hai!! Sei fantastica veramente <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Awwww GRAZIE ♥
      Per quanto riguarda Morwen e Galadir, Milla Jovovich e Ryan Sypek sono in grado di darmi la giusta ispirazione e innumerevoli emozioni anche quando non sono sul set--invece per gli altri personaggi, più per il ruolo che interpretano in un determinato fil ;)
      Sì, la mia piccola mente malata è esplosa a 16 anni xD

      Elimina
  2. Dragonball + Tokyo Mew Mew + Alien... che insolita ricetta per la tua ispirazione!
    Anch'io adoro Milla Jovovich: l'ho conosciuta ne "Il quinto elemento" e da allora me ne sono innamorata ^^ Bellissimo il modo in cui descrivi il punto debole di Morwen: l'amore!

    RispondiElimina

I vostri commenti alimentano il mio blog!
Lasciate un segno del vostro passaggio e io sarò felice di potervi rispondere :)