Cerca nel Blog

mercoledì 16 aprile 2014

"Il Figlio Ribelle" ~ II tappa blog tour: Federico Dalla Croce -Profilo e Intervista

Buona sera Bookaholics! Benvenuti alla seconda tappa del Blog Tour de Il Figlio Ribelle di Cristina Zavattieri!



CALENDARIO BLOG TOUR

1° tappa 8/4 - Alessandra Paoloni “La mia strada fino a qui”: book-trailer de Il Figlio Ribelle. (Anche se presto potrete ammirarlo riveduto da Eleanor Mair!)
2° tappa 14/4 - Diletta Brizzi nel suo Atelier di una Lettrice Compulsiva vi presenterà la scheda profilo del personaggio principale, Federico Dalla Croce + una breve intervista.
3° tappa 21/4 - Barbara Kira di Romanticamente Fantasy presenterà la scheda profilo del personaggio principale femminile, Bianca Di Albano + breve intervista.
4° tappa 28/4 - Franci di Coffee and Books, invece, presenterà un estratto bollente dal romanzo. (E vi assicurò sarà davvero così!)
5° tappa 5/5 - Rosa Caruso nel suo blog "La Fenice Book" terminerà il blog-tour con un regalo davvero speciale: una magnifica collana che vi verrà presentata nelle prossime tappe.

COME PARTECIPARE

Per provare a vincere la collana di Chocolate Rose (ancora in preparazione e che potrete ammirare nei canali dell'autrice stessa prossimamente) seguite queste semplici regole:

1) COMMENTARE quante più tappe possibili del blog tour e DIVENTARE LETTORI FISSI dei blog aderenti (i link potete trovarli sopra, nelle tappe).

2) DIVENTARE LETTORI FISSI DI QUESTO BLOG e FAN DELLA PAGINA FB QUI.

La tappa che ospiterà il mio blog sarà dedicata al protagonista maschile del romanzo, Federico Dalla Croce.

Scheda profilo Federico

Federico Dalla Croce ha venticinque anni ed è un nobile barone che non accetta la condizioni in cui è costretta a vivere la gente del popolo napoletano.
Incline al pettegolezzo, alla baldoria e allo scherzo, irascibile, arrogante e anticonformista non conosce l'amore, anche se crede nella sua esistenza.
Da sempre circondato da belle donne, tuttavia non fa di loro il fulcro della sua vita, almeno fino a quando non incontra la bellissima Bianca Di Albano e fra i due giovani scoppia l'amore e la passione travolgente.
Il loro primo incontro cambierà per sempre la vita di Federico.
Le uniche persone a cui è profondamente legato sono il padre Rodrigo Dalla Croce, la governate e sua balia, Filomena, e l'amico di sempre Roberto dall'Ollio.
Molto amato e rispettato fra la gente più povera, che aiuta come può.
Amante della natura, in particolare del mare, delle armi e di tutto ciò che è antico e del colore blu.

L'intervista

Buona sera Federico, in un'epoca in cui il potere è ciò che muove l'uomo, Voi potete essere definito una sorta di ribelle. Cosa vi differenzia dalle persone che appartengono alla vostra classe sociale?
Buona sera, meravigliosa fanciulla, e grazie per avermi accolto nella vostra umile dimora. La domanda che mi avete posto mi spiazza e non poco. Io non credo di essere diverso, solo i nobili napoletani a comportasi da veri… Non posso esprimermi come vorrei, vero? Comunque sì, sono un ribelle e ne vado molto fiero. Credo che ognuno di noi potrebbe fare molto di più per la povertà e il degrado che dilaga nella mia città. Nella loro città. Non amo mischiarmi alla folla di damerini, preferisco, alle loro feste, una bella donna, una buona compagnia e dell’ottimo vino. Credetemi, ho incontrato più fedeltà fra i napoletani che alla reggia di Caserta.

Vi potete definire anche una sorta di Don Giovanni, a quello che dicono i pettegolezzi su di voi. Che cosa fate a queste donne che cadono così ai vostri piedi?
Un don giovanni, dite? *ride* Sono quel tipo d’uomo che quando vuole una cosa la prende senza pensarci troppo. Sempre. Devo ammettere che questa è una mia grande debolezza. Spesso, la passione per il gentilsesso mi ha causato grosse noie. Non ultimo una pallottola alla gamba. Cosa faccio alle donne? Il mio buon amico Roberto dice che ho una discreta parlatina. Ecco, credo che sia questo a rendermi così desiderabile. Non mi reputo bello, ma so godermi la vita!

Come è stata la vostra vita dall'infanzia fino all'età adulta?
Non amo particolarmente parlare della mia vita privata o del mio passato. Però, se devo fare un bilancio generale, sono stato cresciuto in un ambiente sano. Ero un bambino sereno. Mio padre Rodrigo e Filomena, mia nutrice e governante, invano hanno cercato di impartirmi educazione e rispetto per gli altri. Io rispetto solo chi lo merita e non mi curo poi tanto delle conseguenze. Atteggiamento accentuato da adulto. Vi hanno parlato della profonda antipatia che nutro per il re?

Che cosa vi ha spinto ad aiutare le persone più bisognose? È una sorta di capriccio oppure è un qualcosa che vi fa sentire utile alla comunità napoletana?
Direi senza ombra di dubbio che la seconda ipotesi sia quella corretta. Ho sempre sentito un forte senso di appartenenza verso il popolo napoletano. Mi piace stare con loro. Sin da bambino potevo essere me stesso, senza badare alle regole sociali imposte dalla nobiltà. Aiutare i più deboli, nella mia posizione, penso sia cosa di poco conto. Certo non spreco le mie giornate con ogni singolo abitante della città, altrimenti le risse non avrebbero mai fine tornerei a casa con altrettante ossa rotte.

Tutte noi fanciulle ci stiamo chiedendo come abbia fatto Bianca Di Albano a rubare il vostro cuore. Vi andrebbe di raccontarci il vostro primo incontro?
Oh, be’…. Le dinamiche del nostro incontro sono state davvero singolari. Bianca mi ha scambiato per… un bersaglio. Lei potrebbe dire che non andata esattamente così… ma ho sempre nutrito il sospetto che avesse scagliato quella freccia di proposito, per conoscermi. Probabilmente non saprò mai la verità. tuttavia la cicatrice che ho sulla stessa gamba citata poc'anzi sarà un ricordo indelebile. Ogni volta che sprono il mio cavallo a Capodimonte sorrido, ripensando a quella bellissima ragazzina vestita da uomo tenermi testa. Bianca mi ha spinto a cercare l’impensabile. Credo di non essere mai stato così stronzo e vendicativo con una donna in vita mia come con lei e per lei. Anche qualche uomo, a causa sua se l’è vista brutta.

Come definireste l'amore? Potete dire di aver incontrato la vostra anima gemella?
Non ho mai creduto all’amore nel senso stretto del termine. Esiste, indubbiamente. Adesso mi chiedete se ho trovato la mia anima gemella e non so cosa rispondervi. Posso però dirvi, gentilissima fanciulla, che sì… Bianca incarna tutto ciò che io non abbia mai voluto in una donna e, mio malgrado, non possa farne a meno.

Ringrazio infinitamente Federico Dalla Croce e la sua creatrice, Cristina Zavettieri per l'intervista e per aver avuto l'opportunità di prendere parte a questo meraviglioso Blog Tour!


11 commenti:

  1. Bellissima intervista adoro Federico e la sua personalita'!

    RispondiElimina
  2. Bellissima intervista adoro Federico personaggio che fa sognare

    RispondiElimina
  3. Meravigliosa intervista, grande Federico,molto belle e intriganti le domande rivolte a Federico.

    RispondiElimina
  4. Intervista meravigliosa. Il personaggio di Federico, riesce a farsi amare fin da subito

    RispondiElimina
  5. bella questa intervista complimentoni XD

    RispondiElimina
  6. Grazie, ragazze! Sono felice che questa intervista vi sia piaciuta. <3

    RispondiElimina
  7. Bella e divertente. Federico è il numero uno!

    RispondiElimina
  8. Intervista Carinissima. Federico, ma dove sei?
    Beata Te, Mia Cara Vipera!!
    Cri, Io amo il Tuo Capolavoro.
    <3

    RispondiElimina
  9. Parlantinaaa solooo..???....io sono uma pazza FERICOOOOO SOLO LA PARLANTINA???? SCUGNIZZOOO MIOOO NN CREDO PROPIO

    RispondiElimina

I vostri commenti alimentano il mio blog!
Lasciate un segno del vostro passaggio e io sarò felice di potervi rispondere :)