Cerca nel Blog

domenica 14 settembre 2014

Ti regalo l'amore di Alessandra Paoloni: l'autrice ci parla della genesi del romanzo!

Buongiorno Bookaholics e buona domenica a tutti!
Oggi sul blog ospiterò la prima tappa di uno speciale dedicata a un libro che non vedo l'ora di leggere: Ti regalo l'amore di Alessandra Paoloni!
Prima di lasciare spazio all'autrice, vi lascio tutte le informazioni per quanto riguarda il romanzo!


Ti regalo l'Amore
Alessandra Paoloni
Genere: romance
Data uscita: 20 settembre 2014
Editore: self publishing
Prezzo: 0,99€
Cover: Elisabetta Baldan
Sinossi:
“Ti hanno regalato molto di più e ancora non te ne accorgi.”
Single da non molto, disoccupata, Clelia trascorre le sue giornate tra serie tv in streaming e lunghe sedute di relax sul divano. Ma la sua vita monotona cambierà quando, per il suo trentunesimo compleanno, le verrà regalato un viaggio organizzato dalla Doppio di Cuori, un'agenzia italiana di meetings & holidays. Ad accompagnarla nel suo viaggio ci sarà Dante, un ragazzo bello, gentile e a tratti misterioso. Tra i due scoppierà subito un forte legame, destinato a tramutarsi in qualcosa di più profondo. Nell'assolata campagna umbra, tra i monumenti della città di Perugia, la loro storia si snoda tra scene bizzarre e tenero romanticismo.
Clelia crede di vivere la sua favola personale ma la realtà, da sempre in agguato, busserà ben presto alla porta dei suoi sogni.


Pagina autrice: On my writing - Alessandra Paoloni Autrice

Blog autrice: http://paolonialessandra.blogspot.it/



L'autrice
Alessandra Paoloni è nata a Tivoli, l'11 marzo del 1983. Coltiva fin da bambina una passione quasi viscerale per la scrittura e la lettura, pubblicando fin da giovanissima poesie e racconti su riviste e giornali locali. Esordisce come scrittrice con la raccolta poetica “Brevi monologhi in una sala da ballo di fine Ottocento” con la casa editrice Il Filo (2008), cui seguono i due romanzi fantasy “Un solo destino” e “Heliaca la pietra di luce” entrambi editi con la 0111 Edizioni. Si ripresenta al pubblico nell'aprile del 2012 con il nuovo romanzo “La Stirpe di Agortos” (pubblicato con lo pseudonimo di Elisabeth Gravestone e ora fuori commercio).
Arriva seconda, col racconto “La Prova”, al concorso indetto dal blog “Club Urban Fantasy”, la cui antologia è disponibile sia in edizione cartacea che digitale.
Esce nel novembre 2012 per la Butterfly Edizioni il suo primo paranormal fantasy “La discendente di Tiepole”, che sta riscontrando un notevole entusiasmo da parte dei lettori. Il suo racconto "In fuga per ricominciare" è stato selezionato dal Writer Magazine di Franco Forte e comparirà nell'antologia "365 Storie d'Amore".
E' tra i vincitori del concorso “On the Road: diari di viaggio” indetto dalla Libro Aperto Edizioni con il racconto “Sulla strada per la fine”. E' tra i finalisti del concorso “Impronte d'amore” indetto dalla Butterfly Edizioni con il racconto “Come il vento su Top Withens”.
Pubblica con la Libro Aperto Edizioni il lungo racconto paranormal romance "Oltre l'oscurità" in edizione digitale.
Il suo racconto "La cura" viene inserito nella raccolta antologica digitale "La prima volta" edita dalla Triskell Edizioni ed è disponibile gratuitamente sul sito della casa editrice stessa.
Dal maggio 2013 è possibile scaricare da amazon la nuova versione dei “Brevi monologhi in una sala da ballo di fine Ottocento” al prezzo irrisorio di 0,89 €.
Nel settembre del 2013 pubblica in ebook la prima parte della saga romance/erotica dei Wendell, “L'esilio del Re” a cui seguirà “Il tempo di Luther”, uscito nel dicembre 2013 (disponibili attualmente solo su amazon in versione digitale).
Il breve racconto “L'estate del Professore” farà parte della raccolta antologica “365 giorni d'estate” della Delos Books.
Nel marzo del 2014 pubblica su amazon il lungo racconto erotico “È te che aspettavo”, opera arrivata seconda al concorso della Sperling Privè, balzato quasi subito in testa alla classifica di letteratura erotica. Il 17 Giugno dello stesso anno, per la collana “Senza Sfumature” della Delos Books, è uscito il breve racconto erotico “L'amante del boia”.

GLI SPECIALI

14 Settembre 2014 Atelier di una Lettrice Compulsiva: la genesi del romanzo
15 Settembre 2014 Romanticamente Fantasy: recensione in anteprima
18 Settembre 2014 Dragonfly Wings: i primi due capitoli


PRIMO SPECIALE: L'AUTRICE CI PARLA DELLA GENESI DEL ROMANZO

Grazie a Diletta e al suo blog per avermi concesso l'onore e la possibilità di parlare della mia ultima fatica letteraria. Perché fatica lo è stata davvero...
La scrittura di “Ti regalo l'Amore” mi ha accompagnato per tutta l'estate. E anche se i mesi trascorsi della stagione estiva hanno avuto ben poco, giugno luglio e agosto sono stati consacrati interamente alle bislacche avventure di Clelia e Dante, due personaggi che non credevo avrei mai potuto concepire. Ma andiamo con ordine e partiamo da come è nata l'idea del libro...





Tempo fa partecipai a una convention del telefilm Supernatural. In realtà era la terza volta che ci andavo e mi ricordo che, parlando con una ragazza che aveva il pass più costoso (quello che ti permetteva di stare a stretto contatto con gli attori alla “stiamo vicini vicini”), sono venuta a sapere che quel pass glielo avevano regalato colleghi e amici per il compleanno. A maggio o giù di lì di quest'anno, non chiedetemi il motivo, mi è tornata in mente questa cosa e ho pensato: ma perché non ricevo regali del genere? E se mi regalassero magari una vacanza, visto che non ho soldi nemmeno per un fine settimana? Oppure... perché non mi regalano un bel ragazzo, un tipo da sogno? O magari dai, esageriamo, perché non mi regalano tutti e due assieme? Da questi deliri nonsense è nata l'idea della trama. Dal niente, in pratica. Ho immaginato una tipa incasinata, come posso esserlo solo io in questo periodo, e un bellissimo ragazzo che si ritrovano a partire assieme a causa di un regalo inaspettato. Un'accoppiata che ho subito adorato. E invidiato...



La tipa incasinata di cui vi stavo parlando è Clelia, una ragazza che ha da poco superato la soglia dei trent'anni (come me), single e disoccupata (come me) che si ritrova a dover partire con una sorta di gigolò (come... no. Qui non posso dire come me, ahimè.) Ma questa non è la storia della mia vita, anche se in alcuni passaggi mi sono rispecchiata nella protagonista tanto da farmi dire “ma questa sono proprio io!”. Clelia è buffa, naturale, molto insicura di se stessa e del mondo che la circonda. Se esistesse nella realtà, credo che sarebbe una delle mie migliori amiche. Spero che molte lettrici entrino in empatia con lei.
Il bellissimo ragazzo invece è Dante, anche se per metà libro lo conosceremo attraverso il nome di Darryl. Sì perché alla Doppio di Cuori, l'agenzia di meetings & holidays, i ragazzi usano un nick name. Mica pizza e fichi! Dante è stato ricalcato sulla figura di Luke Evans, il Bard de Lo Hobbit, attore che adoro alla follia soprattutto grazie alla stupenda voce che ha (se non l'avete sentito cantare cercatelo su youtube e ascoltate. Ma dopo, prima finite di leggere u.u).
Dante non è un modello, anche se Madre Natura gli ha fatto la grazia di avere un corpo perfetto che manderà in tilt i neuroni di Clelia (e pure i miei, mentre scrivevo). È un personaggio maschile che, nonostante la sua indiscussa figaggine, ho cercato di rendere quanto più possibile “umano”. Insomma lui potrebbe essere il classico ragazzo della porta accanto, quello affabile che ti presta lo zucchero se lo hai finito. Francamente, se avessi un vicino di casa così, finirei anche il sale, il caffè e la farina. Tutto nello stesso giorno.



“Ti regalo l'Amore” mi è stato suggerito da Elisabetta Baldan. All'inizio il romanzo doveva chiamarsi “Doppio di cuori” ma lei mi fece notare che di libri con la parola “cuori” ce n'erano già a dozzine. Optai allora per “Prendimi in dono” poiché si parlava di un regalo d'amore ma la mia grafica, durante la nostra chiacchierata in chat, mi bocciò anche questo e mi suggerì un titolo molto più diretto e semplice, intuitivo. “Ti regalo l'Amore” calza a pennello per la storia di Dante e Clelia. Perché cosa c'è di più meraviglioso che regalare, donare, al prossimo il proprio cuore?
Ma non ho scartato completamente gli altri due titoli, anzi. Doppio di Cuori è diventato il nome dell'agenzia di meetings & holidays nella quale lavora Dante, e grazie alla quale i due si sono conosciuti. Mentre “prendimi in dono” è il titolo del capitolo conclusivo del libro, quello che chiude il cerchio della trama. Mi gironzolavano nella testa per un motivo specifico e, quando si scrive, niente è lasciato al caso.



Sento già nelle orecchie qualcuno dire “ma questo libro nel finale sembra affrettato e troncato”. Ebbene signori e signore: la scelta di concludere il romanzo con uno scambio di battute secche e mirate tra i protagonisti, è una scelta stilistica che comprendo non tutti apprezzeranno. Ma io scrivo con il cuore e con l'ispirazione del momento, e in quel momento il cuore e l'ispirazione mi suggerirono di concludere la storia in maniera insolita anche per i miei standard di scrittura.
In genere termino un libro con una descrizione, con una frase “a effetto” e fino ad oggi non lo avevo mai fatto con una battuta, facendo quindi parlare direttamente i due protagonisti al mio posto.
Ma a tutto c'è un motivo e spero che il lettore comprenderà perché ho deciso di adottare questa soluzione, piuttosto che scrivere una frase a “e vissero tutti felici e contenti”.
Già. Perché il lieto fine c'è, non voglio nascondervelo. Ma allo stesso tempo c'è un colpo di scena che... No, questo non lo confesserò nemmeno sotto tortura.


Bene. Credo di aver detto anche abbastanza. Come sempre ho messo anima e corpo in questa mia storia; chi scrive sa cosa intendo. Mi sono divertita moltissimo a dare vita a Clelia e Dante, a descrivere il loro incontro, a delineare il loro viaggio. Ho riso assieme a loro e per me, che tendo in genere molto più alla tragedia, questa è stata una novità assoluta.
Non mi resta che augurarvi buona lettura, se deciderete di conoscere il mondo della Doppio di Cuori. Io lo spero perché da scribacchina non posso regalarvi l'amore, ma ho cercato di regalarvi almeno una piacevole storia.


Lasciate che vi dica una cosa carissimi Bookaholics: questo romanzo vi conquisterà!



11 commenti:

  1. Ottima prima tappa per questo libro che spero sia apprezzato come merita.
    Felicissima di aver contribuito a dare un volto e un nome a questa piccola meraviglia firmata "Alessandra Paoloni".
    Forse sarò di parte, o forse soltanto obbiettiva: ho amato questa storia d'amore intrigante, genuina e teneramente romantica. Buona lettura a tutti!
    E un bacio a Diletta ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un bacione grande grande a te cilieginaaaaaaaaaa :*

      Elimina
    2. Grazie Diletta per questa anteprima e per aver ospitato i miei scleri XDDD Grazie di cuore <3

      Elimina
    3. Ecco io pensavo di rispondere diretamente a Elisabetta shausahsuaa Tesorta grazie te lo dico io e con il profondo del cuore! Grazie per essermi stata vicina anche questa volta. Ti abbraccio forte che più forte non si può <3

      Elimina
  2. Che dolcezza e che bella collaborazione ragazze!

    RispondiElimina
  3. Non vedo l'ora di leggerlo, mi rispecchio molto nella protagonista specialmente per goffaggine e timidezza. Sono sicura che sarà un successo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giada! Attendo il tuo commento allora :)

      Elimina
  4. che bello conoscere gli aneddoti di un libro, non vedo l'ora di leggerlo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se gli aneddoti sono sclerosi ancora meglio <3 Grazie Argy!

      Elimina
  5. Non vedo l'ora, questo è pane per i miei denti :D Complimenti bellissima tappa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Detto da una che poi il romance lo mastica come niente fosse! Grazie Patrisha!! <3

      Elimina

I vostri commenti alimentano il mio blog!
Lasciate un segno del vostro passaggio e io sarò felice di potervi rispondere :)