Cerca nel Blog

giovedì 16 ottobre 2014

Gli speciali de La dimora del vampiro #3 Intervista ad Alexis

Bentrovati Bookaholics e benvenuti al terzo dei sei speciali dedicati a La dimora del vampiro, duologia scritta da Giovanna Profilio.



GLI SPECIALI

02/10/2014 La genesi del romanzo
09/10/2014 La playlist
16/10/2014 Intervista ad Alexis
23/10/2014 I luoghi del romanzo
30/10/2014 Spoiler dal secondo romanzo
06/11/2014 Dreamcast



TERZO SPECIALE
INTERVISTA AD ALEXIS



Oggi nel Salotto Letterario dell'Atelier ho il piacere di ospitare Alexis Lacroix.
Benvenuto, accomodati pure.
Grazie miss, è un piacere presenziare a questa intervista nel suo delizioso salotto.

Come ci si sente a essere il protagonista di un romanzo? 
Beh, questa è proprio una bella domanda! Vediamo un po', come mi sento? Devo ammettere che è una bella sensazione. Rivivere attraverso delle pagine e catturare la mente e il cuore di chi legge, dopotutto non è privilegio di molti. Mi sento onorato.

Quale è stata la tua primissima sensazione quanto hai posato gli occhi su Giulia? Temevi che lei potesse scoprire il tuo segreto?
I segreti non portano mai cose buone. Perché si sa, quando c'è di mezzo un segreto si tende a nascondere la verità attraverso delle bugie. Giulia era quel piccolo tassello che cercavo da sempre. Il timore di perderla era grande e sentivo che non avrei mai potuto accettarlo. La volevo mia per sempre e forse, è stato proprio questo a far sì che io mi fidassi di lei giocandomi il tutto per tutto, ma non avevo dubbi che avrebbe ceduto al mio fascino. *sorride*

Parliamo proprio del tuo segreto. Non sei un vampiro da poco tempo vero? Come è stato dover celare la propria natura agli esseri umani?
Domanda da due milioni di dollari. *Si sfrega il mento e accavalla una gamba*
Sopravvivere a tutto il resto non è semplice. Devi adattarti alle abitudini, ai costumi, devi costruirti una solida barriera di apparenza e non è facile. È come se un uomo, fosse costretto a indossare tacchi a spillo tutto il giorno. Non è un bello spettacolo. La gente di questo millennio osserva con insistenza anche il più piccolo essere sulla terra, per questo evito di uscire o comunque di mischiarmi a loro. Non amo circondarmi di rumori, sono a favore del silenzio, della solitudine.

Girovagando nel web ho notato che molti hanno paragonato il tuo atteggiamento, il tuo essere vampiro a Edward Cullen. In cosa ti differenzi dal "vampiro" della Meyer?
A parte che non ho il rossetto? *Ride divertito*
Non mi sorprende che facciano il paragone. Ormai, è normale che la parola vampiro venga associata a qualcosa che ha fatto notizia. Posso dire che non ci somigliamo per niente o forse, un po' sì. Entrambi siamo legati al passato per i modi di fare all'antica, ma a parte questo, siamo totalmente diversi.

Ultima domanda ma non la meno importante: che cosa ci dovremo aspettare nel secondo libro della saga? Ci troveremo davanti un Alexis diverso da quello conosciuto?
Spero l'autrice non m'impaletti per questo. Alexis sarà molto diverso rispetto al primo libro, dovrà fare i conti con i fantasmi del passato e si ritroverà a dover prendere decisioni importanti. È confuso, amareggiato ed è divorato dai sensi di colpa. Litigherà con Rebecca che se ne andrà, assumerà un comportamento freddo, cinico e distaccato e il castello tornerà ad avvolgersi di oscure intenzioni... ci sarà anche una sorpresa dedicata ai lettori (ma non posso dirvi di più).

Grazie infinite per la tua disponibilità e a presto!
Grazie a lei miss e un bacio ai suoi lettori.

Anche per oggi è tutto! Vi lascio il link all'acquisto del libro! Appuntamento al prossimo giovedì!






Nessun commento:

Posta un commento

I vostri commenti alimentano il mio blog!
Lasciate un segno del vostro passaggio e io sarò felice di potervi rispondere :)