Cerca nel Blog

mercoledì 8 aprile 2015

Salotto letterario: Yvan Argeadi intervista Marilena Barbagallo

Buon pomeriggio Bookaholics!
Oggi il mio collaboratore Yvan Argeadi ha avuto il piacere di intervistare l'autrice Marilena Barbagallo. Prima di lasciarvi all'intervista però lasciate che vi presenti i suoi due libri erotic romance.


My Boss
Marilena Barbagallo
Serie: MY #1
Pagine: 232
Data pubblicazione: 1 febbraio 2015
Sinossi:
Mary è una giovane studentessa della facoltà di Giurisprudenza di Catania, da due anni non fa che cercare suo padre, un poliziotto dell’antimafia scomparso durante una delle sue missioni da infiltrato. Mary vive insieme a Jessica, la sua migliore amica, una ragazza esuberante che ama le feste sfarzose. In una delle tante serate frequentate dalla cerchia degli amici di Jessie, incontra Riccardo e per entrambi è colpo di fulmine a prima vista, ma Mary è ignara della vera identità di Ricky e quando Jessie le riferisce che lui è il figlio di un potente boss latitante, nonché l’attuale boss di una delle famiglia mafiose più temute in città, cerca nell’immediato di cancellarlo e di dimenticare le stravolgenti sensazioni che ha provato nell’attimo in cui lo ha visto. Mary sa che Ricky rappresenta il suo più grande peccato e che stare con lui significherebbe andare contro i suoi principi, ma l’attrazione fisica sarà ingestibile e cadere nella trappola della passione, inevitabile. Ma chi è il vero Riccardo? È davvero ciò che appare? Dolce e romantico, passionale ed eccitante, My Boss è il primo romanzo della serie MY.



My Passion
Marilena Barbagallo
Serie: MY #2
Pagine: /
Data di pubblicazione: aprile 2015
Sinossi:
Il tempo e la distanza non sono serviti a tenere Ricky lontano dal cuore di Mary. I giorni sono trascorsi senza notizie, senza colori e, soprattutto, senza di lui. Quando le speranze di rivederlo sembrano vane, tramite il telegiornale Mary scopre che Ricky è tornato a Catania. Travolta dall’entusiasmo si illude di riabbracciarlo ma cade di nuovo nello sconforto quando scopre che lui non vuole vederla e che è intenzionato a troncare il loro rapporto. Adesso è tornato un nuovo Ricky, è un uomo glaciale, insensibile, deciso a ferirla nel peggiore dei modi. Mary non può credere a quel cambiamento e si ostina a non lasciarlo andare, trattenendolo nel suo cuore e promettendogli di esserci sempre, nel bene e nel male, ma proprio quando le cose sembrano girare per il verso giusto, ecco che arriva Salvo. La gelosia di Ricky si rivelerà un vero e proprio male per il loro rapporto e quando sarà costretto a recitare ancora una volta la parte del boss allontanandosi da lei, una sconcertante verità turberà la sua vita già burrascosa. Il loro amore potrà essere vissuto alla luce del giorno? Ricky riuscirà a tenere Mary al sicuro dalla sua doppia vita? MY PASSION segue MY BOSS ed è il secondo romanzo della serie MY.





Yvan: Ciao Marilena, benvenuta nel blog. Parto subito con la prima domanda: su quanti progetti riesci a lavorare contemporaneamente?
Uno alla volta. È una questione di principio e di tempo. Ho talmente rispetto per i miei personaggi che dedico il mio tempo solo a loro. Non voglio fare confusione e preferisco caratterizzarli facendo una full immersion. Non mi piace scrivere una storia la mattina e un'altra la sera. C'è chi lo fa, io non lo farei. Credo che sia anche più gratificante monitorare l’evoluzione del proprio stile, se si scrivono più opere nello stesso momento, si nota inevitabilmente che esse hanno similitudini stilistiche, invece, scrivendo in tempi differenti, si possono sperimentare nuovi stili. Ho notato che in ogni mio romanzo c’è una crescita non solo stilistica ma anche personale, cosa che non accadrebbe se scrivessi nello stesso tempo più romanzi. All’interno di ogni storia ci sono parecchi riflessi di me, di ciò che sono in quel preciso momento, perciò preferisco separare il tempo e le stesure.

Yvan: Quanto ti manca al termine di ciò a cui ti stai dedicando? E il prossimo progetto lo hai già in mente?
Non saprei definire i termini, questi dipendono da molti fattori. Per quanto riguarda i progetti futuri, posso dire che sono perseguitata da trame, ho tante idee pronte a essere scritte. Adesso mi sto dedicando a un romanzo rosa e piccante (non erotico). A seguire, mi dedicherò a un altro romanzo sempre romantico e strappalacrime, poi ho un altro progetto da sviluppare in cui voglio esagerare, sarà un super erotico narrato da due punti di vista e ho in mente altri progetti che necessitano ancora di approfondimento. Nel frattempo, dovrei anche trovare spazio per lo studio, mi mancano 5 materie per la conseguire la laurea specialistica.

Yvan: Specialistica in scrittura?
No, magari. Mi sono laureata in Economia e Gestione delle Imprese Turistiche e sto prendendo la magistrale in Direzione Aziendale. Lo so, non c'entra una mazza ma sono errori che si fanno quando si percorrono strade che sembrano apparentemente giuste. Io odio i numeri e la freddezza delle scienze economiche ma ormai ho imparato ad amare anche questo e devo portare a termine l’obiettivo intrapreso. Non mi piace lasciare le cose a metà o cambiare radicalmente, certo, avrei potuto iscrivermi nella facoltà di lettere, se avessi voluto, ma ho preferito seguire con coerenza il percorso degli studi intrapreso in passato. “Studio numeri freddi ma scrivo di emozioni”.

Yvan: Molto meglio le scienze umanistiche in effetti. Il libro che stai scrivendo ora rientra in qualche serie già avviata?
No. I prossimi sono concepiti come autoconclusivi, anche se a dir la verità I DANNATI e MY BOSS erano nati come unici romanzi, solo che poi i personaggi avevano ancora molto da dire e da fare, esigevano attenzioni e mi stuzzicavano la notte, quindi, non posso escludere nulla. Tutto dipende dalla trama, se mi viene in mente qualcosa che reputo interessante, la sviluppo.

Yvan: Ottima risposta. Mmm, ti piace la vaniglia?
Io non amo i dolci. Vado sempre sul salato e prediligo i sapori forti. Amo il piccante.
- Non ti piace la vaniglia, allora come sei finita a scrivere romantici?
È tutta colpa di Silvia Day. Mi piace L'erotismo e anche se mi ostino a non ammetterlo, in fondo ma molto in fondo, sono una romanticona. La trama di MY BOSS ha bussato nella stanzetta della creatività mentale e io non ho fatto altro che guardare e ascoltare i personaggi. Oltre all’aspetto romantico, che è più predominante nella serie MY, nei miei romanzi è fondamentale l'ambientazione, sono esageratamente legata alla mia terra e finora ho sempre ambientato le mie storie in Sicilia, anche perché credo che occorre conoscere bene un luogo per saperlo descrivere al meglio e affascinare il lettore. Non scriverei mai di un posto che non conosco. Con MY BOSS volevo scrivere qualcosa che fosse strettamente legato alla Sicilia, perciò, il tema della mafia, anche se troppo spesso, purtroppo, la mia regione viene collegata a questo. Nella trilogia de I DANNATI, esalto molto l’ambientazione, soprattutto quella paesaggistica, l’Etna ha un ruolo funzionale nel romanzo, quasi come se fosse un personaggio.

Yvan: Se tu fossi un romanzo, che genere saresti?
Romantico erotico, sicuramente. Non sarei mai fantascienza, non mi piace.

Yvan: La prossima domanda è più complessa. Romantico erotico, un genere che ne unisce due, poiché volendo l'uno potrebbe esistere senza l'altro. La domanda è, nel romantico che ruolo avresti, e corrisponde al ruolo che interpreteresti nell'erotico?
La domanda è impegnativa. Mary di MY BOSS potrebbe risponderti meglio.

Yvan: Mi appellerò a Mary, per scoprire quale sia il tuo ruolo in un romanzo.
Io non amo i ruoli. Faccio quello che mi pare. Agisco sempre secondo il mio stato emotivo, in base a ciò che provo, a seconda delle giornate, se ho rabbia, se sono apatica... in relazione a tutto questo, posso essere un angelo o un diavolo. I ruoli mi stanno stretti.


2 commenti:

  1. Un premio per te ^^ http://www.sognipensieriparole.com/2015/04/premio-liebster-award.html

    RispondiElimina

I vostri commenti alimentano il mio blog!
Lasciate un segno del vostro passaggio e io sarò felice di potervi rispondere :)