Cerca nel Blog

venerdì 8 aprile 2016

BLOGTOUR LASTWORLD Quinta tappa: Viaggio attraverso la MITOLOGIA

Buongiorno Bookaholics! Oggi ho il piacere di ospitare sul blog la quinta tappa del blog tour dedicato all'ultimo romanzo della serie The Different Worlds di Samantha M. Swatt.



LE TAPPE

30/03 Prima tappa » Camminando tra le pagine
01/04 Seconda tappa » We Found Wonderland in Books
04/04 Terza tappa » Bookspedia
06/04 Quarta tappa » Il Cibo della Mente
08/04 Quinta tappa » Atelier di una lettrice compulsiva
11/04 Sesta tappa » Le parole segrete dei libri
Intervista all’autrice + Estratto
12/04 Settima tappa » Dreaming Fantasy
Scena tagliata (extra) + Giveaway

REGOLE DEL GIVEAWAY

Differentemente dagli altri anni, il premio del giveaway finale verrà rivelato alla metà del blogtour. Questo perché è in lavorazione… Non aggiungo altro. Questo premio io lo adoro, dico davvero, e penso che farà impazzire di gioia gli amanti della serie. Il giveaway partirà il 12/04 sul blog Dreaming Fantasy e si chiuderà il 19/04. L’estrazione avverrà qualche giorno dopo, pubblicata sia sul mio blog autrice che su quello di Leda.

Le regole per partecipare sono:
•Essere follower che ospitano le tappe del blogtour
•Commentare tutte le tappe (spiegando cosa vi è piaciuto della tappa e della serie)
•Mettere ‘mi piace’ alla pagina Facebook dell’autrice
•Seguire il blog dell’autrice

PREMIO GIVEAWAY

Una chibi Holly, creata dalle abili mani de La petite deco


QUINTA TAPPA
VIAGGIO ATTRAVERSO LA MITOLOGIA

In questa quinta tappa, Samantha ci accompagnerà in un viaggio attraverso la mitologia. Più precisamente, attraverso quella greco/romana, poiché la serie affonda in essa le sue radici soprannaturali.
Con il termine mitologia si indica sia lo studio dei miti, sia il complesso delle credenze mitiche. Queste concernono principalmente tre argomenti: l'origine del mondo, l'origine dell'uomo e l'origine delle divinità. Si sospetta che le civiltà antiche abbiano considerato i propri miti come memorie di avvenimenti realmente accaduti. Di certo, le culture storiche hanno, molto spesso, messo in dubbio la loro veridicità letterale, interrogandosi sulle ragioni e sui modi della nascita di questi antichi racconti strettamente connessi al pensiero del divino.
Secondo Evemero, un filosofo greco, i racconti mitologici sono in effetti resoconti di avvenimenti storici, che tramandati di generazione in generazione sono stati via via sottoposti ad un insensibile procedimento favolistico, cristallizzando dettagli inverosimili e assumendo specifiche peculiarità simboliche. Secondo questa tesi, che ha sostenitori ancora oggi, gli dèi mitologici sono in realtà sovrani e guerrieri che col tempo sono diventati leggendari oppure sono stati divinizzati. Non sono tuttavia solo gli dèi a riempire i testi folkloristici delle culture più disparate, eroi dotati di grandi poteri e di altrettanto coraggio, bensì anche innumerevoli creature delle più variopinte specie. Ogni popolo e cultura ha le proprie storie, tradizioni, miti e credenze legate a mostri, creature leggendarie e animali fantastici. E quelli che compaiono maggiormente nei libri della nostra trilogia riguardano la mitologia classica, ovvero quella greca e romana.
La mitologia greca si compone di una vasta raccolta di racconti che spiegano l'origine del mondo ed espongono dettagliatamente la vita e le avventure di un gran numero di dèi e dee, eroi ed eroine e altre creature mitologiche. Questi racconti furono inizialmente composti e diffusi in una forma poetica e compositiva orale, ma sono giunti fino a noi attraverso testi scritti dalla tradizione letteraria greca. Tra le più antiche fonti letterarie conosciute troviamo i due poemi epici Iliade e Odissea, che concentrano la loro attenzione sugli eventi che ruotano attorno alla vicenda della Guerra di Troia. 
La visuale romana della mitologia è pressappoco la stessa, ma si trovano al suo interno nette differenze che la distanzia – pur sempre accomunandola – da quella greca. 
Se avessimo, per esempio, chiesto ad un antico greco chi fosse Demetra, avrebbe probabilmente narrato la famosa leggenda del folle dolore che la dilaniava a causa il rapimento della figlia Persefone da parte di Ade. Un romano avrebbe invece fatto riferimento a Cenere, la divinità materna della terra e della fertilità, ma anche dea della nascita, poiché tutti i fiori, la frutta e gli esseri viventi erano ritenuti suoi doni, tanto che si pensava avesse insegnato agli uomini la coltivazione dei campi. Nomi diverse, storie apparentemente diverse, un’unica divinità.
Nella serie The Different Worlds l’idea del divino e di tutto ciò che viene agglomerato al mero significato etimologico di mitologia è una tappa fondamentale per conoscere la storia.
Un tassello, questo, che resterà celato all’interno delle parole, ben nascosto sotto la superficie dell’opera, fino a quando non sarà realmente utile alla trama. 
Un rifacimento alla mitologia classica che già in Underworld – ampliato successivamente in Otherworld e Lastworld – verrà esposto ai lettori, denotando una modernizzazione del folklore e delle tradizioni più vecchie e tramandate al mondo. 
Se credevate di sapere tutto su questo argomento, specialmente sulle creature che popolano i libri delle tradizioni classiche, delle leggende più antiche e dei mostri che spaventano da sempre i bambini, aprite bene gli occhi… 
Potreste scoprire che nulla, in questo mondo, è scontato come appare.


5 commenti:

  1. Senza anticipare nulla a chi la saga non l'ha ancora letta, la mitologia che ha utilizzato l'autrice la adoro!
    Mi é proprio piaciuta, soprattutto le spiegazioni da lei fornite. La mitologia, quella greca in special modo, mi ha sempre affascinata e quando la trovo nei romanzi vado in estasi *-*
    E proprio per tale motivo, questa tappa mi é piaciuta tantissimo!

    La chibi é bellissima!

    RispondiElimina
  2. non ho letto questa saga, ma ne sono sempre più affascinato!
    io poi ho una passiona spassionata per la storia e mitologia greco e romana e quindi questo è di certo un bel punto a favore per questo libro! ;)

    RispondiElimina
  3. Premetto che quella chibi è meravigliosa!
    Avevo già sentito le teorie che i poemi riprendevano i sovrano e li immaginavono come dei,e che quindi la mitologia riprendeva perosone già esistite. Mi è piaciuto che il fatto che per scrivere questa tappa hai fatto una piccola ricerca sulla nascita dei poemi.
    All'interno della saga ho adorato è che ogni personaggio ha un prorpio ruolo all'interno della storia e un proprio potere che riprende quelli mitologici.

    RispondiElimina
  4. Sempre più affascinata da questa saga!Amo da sempre la mitologia e questa tappa mi ha veramente interessata moltissimo:storie, tradizioni, miti e credenze hanno da sempre su di me un grande fascino!Complimenti anche per la chibi, semplicemente deliziosa:)
    GFC/FB: Chicca Tamburrino
    e-mail: pleadi@inwind.it

    RispondiElimina
  5. Anche io sono sempre più convinta che questa saga mi piacerà tanto... Ho sempre amato la mitologia infatti anche se un po' infantile il mio cartone animato preferito è stato sempre Pollon...quindi se questa serie mi da anche la possibilità di ripercorrere un viaggio attraverso la mitologia Greco/Romano non posso perdermela...
    Bel post complimenti!

    RispondiElimina

I vostri commenti alimentano il mio blog!
Lasciate un segno del vostro passaggio e io sarò felice di potervi rispondere :)