Cerca nel Blog

lunedì 3 ottobre 2016

Recensione Il maestro del gioco di Portia Da Costa

Il maestro del gioco
Portia Da Costa
Editore: Newton Compton
Data: 29 Settembre 2016
Genere: Contemporary romance
Sinossi:
Jess Lockhart è arrivata a ventinove anni ancora illibata, ma ciò non significa che non sia interessata agli uomini. Anzi, è proprio l’opposto: sogna di trovare l’uomo perfetto che possa soddisfare ogni suo desiderio. Il nuovo capo, l’affascinante miliardario Ellis McKenna, sembrerebbe essere quello giusto. È anche chiaro che entrambi sono fisicamente attratti l’una dall’altro. Tuttavia, un tragico passato ha segnato Ellis, che si è ripromesso di non avere più relazioni sentimentali serie e durature. E Jess, dopo aver permesso a Ellis di sedurla e aver preso un posto speciale nel suo cuore e nel suo letto, saprà convincerlo a lasciarsi andare all’amore?





Se pensate che questa sia l'ennesima versione di Cinquanta sfumature vi sbagliate di grosso.
Certo, ci sono alcuni cliché che lo ricordano come il fatto che Ellis McKenna sia un uomo bellissimo a capo di una multinazionale da lui fondata e che Jess Lockhart sia vergine ma lì finisce la cosa.
Ellis è un uomo tormentato a causa di una tragedia passata che l'ha portato a non volere una relazione seria o quanto meno che sia durata più di due settimane.
L'amore l'ha vissuto nella sua totalità, lo ha perso e se ne fa una colpa ogni giorno. Non riesce a vivere nuove emozioni perché lo percepisce come un tradimento verso il passato. Eppure non può fare a meno di pensare a Jess, alla sua purezza verso la vita e verso gli altri.
Jess non ha mai avuto un uomo prima di Ellis e nonostante sappia che non potrà durare, accetta di passare giorni indimenticabili e notti bollenti.
Tuttavia non troverete una vergine che non sa da che parte iniziare per quanto concerne il sesso: è una donna che sa esattamente cosa vuole e in che modo lo vuole e questo intriga molto Ellis, il più delle volte spiazzandolo completamente.
La domanda che vi starete ponendo è: si lascerà coinvolgere emotivamente da lui? Sì.
Soffrirà? Sì ma ne varrà la pena.
Il maestro del gioco è un romanzo tutto da scoprire in cui i protagonisti prendono piena coscienza dei loro sentimenti.
Una cosa che ho trovato stranamente apprezzabile è stato il linguaggio a tratti molto formale che i due protagonisti hanno usato nel corso del romanzo.
Conoscendo già lo stile di Portia Da Costa non posso che essere soddisfatta di questo romanzo, ricco di sfaccettature.

Nessun commento:

Posta un commento

I vostri commenti alimentano il mio blog!
Lasciate un segno del vostro passaggio e io sarò felice di potervi rispondere :)